Arrivata l'Aethinia Tumida

Cooperativa
Visite: 2557

Il 2014 è stato veramente un anno duro per le api e gli apicoltori. Non bastava il maltempo che ha causato i peggiori raccolti da un secolo a questa parte.

Non bastava nemmeno la Vespa Ligutina, il calabrone cinese; segnalata già da mesi nella zona di Ventimiglia e della quale temiamo la diffusione sul territorio nazionale. Così anche la Tigna Umida, come è stata ribattezzata dagli apicoltori, ha pensato bene di venirci a trovare.

Si tratta di un coleottero, viene dal Sud Africa e ha la cattiva abitudine di deporre le uova negli alveari, dove crescono le sue larve mangiando tutto: uova, larve delle api, miele, polline, cera...

Il 5 settembre esemplari adulti di Aethinia sono stati individuati in un apiario vicino al porto di Gioia Tauro.
Immediatamente è scattato l'allarme e sono iniziati i controlli da parte dei servizi veterinari.

Potete trovare maggiori notizie su www.mieliditalia.it (il sito di Unaapi) e sulla pagina Facebook che Unaapi ha aperto in proposito.